Skip to content
⇨ Tech-Facile – Il sito dove imparerai tutto ciò che riguarda l'informatica

Telegram esamina e censura alcuni dei suoi contenuti

Nelle ultime settimane è sorta un’enorme polemica sui , che condividerà parte delle informazioni dei suoi utenti con Facebook. Ciò ha fatto sì che migliaia di persone abbiano scelto di passare a Telegram. Tuttavia, sembra che anche la principale alternativa allo strumento di messaggistica istantanea controlli, e addirittura censuri, alcuni dei suoi contenuti . O almeno questo si deduce dalle parole del suo fondatore.

Una dichiarazione di Pavel Durov, fondatore di Telegram

Pavel Durov, in un post pubblico su Instagram diffuso lunedì scorso, ha annunciato che sebbene sulla sua piattaforma siano ben accetti dibattiti e qualsiasi tipo di conversazione su Telegram, i messaggi che incitano alla violenza sono contrari ai suoi termini e condizioni di utilizzo . In questo modo ha annunciato che sono stati eliminati centinaia di messaggi che invitavano a compiere atti violenti negli Stati Uniti, che hanno causato gravi problemi come l’assalto al Campidoglio.

Questo ha fatto capire a molti utenti che ciò che pubblicano nelle conversazioni su detta piattaforma è leggermente meno anonimo di quanto possa sembrare a prima vista. E che nulla di ciò che pubblichiamo o di cui parliamo su Internet è totalmente al sicuro da occhi esterni.

Quindi, Telegram legge le mie conversazioni?

Questo significa che legge tutte le nostre conversazioni per scoprire se stiamo incoraggiando o meno atti violenti? Non proprio. Il servizio di chat è protetto dalla crittografia end-to-end, in modo che nessuno possa accedere alle nostre conversazioni personali. Ma si è avuto accesso alla moderazione delle chat room pubbliche , a cui può accedere chiunque. In quei luoghi sembra che dobbiamo stare un po’ attenti a quello che diciamo.

Leggere  ▶ Come guadagnare soldi con gli affiliati su AliExpress

Durov ha confermato che su Telegram è stata osservata la stessa crescita nel lancio di messaggi di incitamento alla violenza negli Stati Uniti che è stata osservata praticamente su tutti i social network. E allo stesso modo in cui altre piattaforme come Twitter o TikTok hanno iniziato a eliminare questo tipo di messaggio che incita il pubblico a commettere atti contro l’inaugurazione di Biden, anche i responsabili del servizio di messaggistica sono stati costretti ad agire nel business .

privacy vs sicurezza

Il proliferare di messaggi violenti e il timore che possano sfociare in atti terroristici hanno riaperto il dibattito sull’opportunità della cifratura totale dei messaggi negli strumenti di messaggistica. Sembra chiaro che questa crittografia sia necessaria per mantenere la nostra privacy, ma in cambio incoraggia anche la proliferazione di messaggi che potrebbero non portare nulla di buono.

Telegram, insieme a Signal, ha guadagnato un gran numero di nuovi utenti negli ultimi giorni, a causa degli utenti di WhatsApp in fuga dalla prospettiva che i loro dati finiscano nelle mani di diversi brand. Signal ha anche subito un calo del suo servizio , in quanto non era preparato per un numero così elevato di utenti con cui è venuto ad avere di recente.

Ma è chiaro che i nostri dati non sono totalmente anonimi in nessun servizio. E proprio l’appello attraverso i social che ha messo fine ai terribili episodi del Campidoglio americano riapre il dibattito sull’opportunità o meno che ciò di cui si parla in rete sia assolutamente anonimo. Gli ultimi eventi riportano ancora una volta l’ equilibrio tra privacy e sicurezza in cima alle conversazioni in tutto il mondo.

Leggere  ▶️ Come realizzare video TikTok con frasi