Skip to content
⇨ Tech-Facile – Il sito dove imparerai tutto ciò che riguarda l'informatica

“Ecco come Facebook e Instagram analizzano ciascuna delle foto che pubblichi”

Il dibattito sulla privacy in Internet è più vivo che mai. L’analisi dei nostri dati da parte delle grandi aziende sembra essere sempre più precisa, sempre con il presunto obiettivo di mostrarci pubblicità più adatta ai nostri gusti e alle nostre esigenze. Concentrandoci su Facebook, uno degli elementi che l’azienda analizza più a fondo sono le nostre foto.

In loro i social network hanno trovato una vena succulenta. I momenti speciali della nostra vita o il rapporto che abbiamo con gli altri, l’ultimo acquisto che abbiamo fatto o se abbiamo o meno un animale domestico. Tutto è nelle foto.

Come Facebook e Instagram analizzano le nostre foto

Sia Facebook che Instagram analizzano tutto ciò che carichiamo. Pertanto, è molto più facile per loro creare un profilo attorno alla nostra persona. Nel 2016, il social network più grande del mondo ha aggiunto un nuovo elemento alle foto: il testo alternativo . Grazie ad esso, le persone con problemi di vista possono vedere il contenuto di una fotografia. Questo testo può essere aggiunto manualmente a ciascun post. Tuttavia, la maggior parte delle persone non passa il tempo a compilare questo campo. Qual’è la soluzione?

Facebook sviluppa da anni un sistema di intelligenza artificiale in grado di estrarre tutti i dettagli dalle nostre immagini . In questo modo è in grado di riconoscere 10 volte più elementi rispetto a prima. Di conseguenza, le descrizioni associate a un grafico sono più dettagliate e accurate. Quello che prima era un semplice testo come “Due persone accanto a un edificio” è ora diventato “Un autoritratto di due persone accanto alla Torre Eiffel”.

Sebbene sembri avere un obiettivo nobile, ovvero che le persone con problemi di vista possano accedere a tutti i tipi di contenuti, l’analisi esaustiva che viene applicata a qualsiasi fotografia caricata su Facebook o Instagram riapre il melone del rispetto della privacy . È meglio che il sistema AI analizzi ogni foto stessa per scrivere un testo alternativo? O forse sarebbe più opportuno educare gli utenti a farlo manualmente, evitando di analizzare le foto?

Leggere  ¦› Come trasformare qualsiasi codice a barre in un pass per il tuo portafoglio con Pass2U Wallet

In ogni caso, questa funzione di descrizione automatica arriverà prima su Facebook, dove verrà testata. Successivamente, si diffonderà al resto dei suoi servizi, come Instagram.