Skip to content
⇨ Tech-Facile – Il sito dove imparerai tutto ciò che riguarda l'informatica

5 cose da non fare con le catene di WhatsApp

Raramente è la settimana in cui non ci ritroviamo su WhatsApp con qualche catena: quei messaggi che ci invitano alla condivisione e che ci offrono una moltitudine di regali , ci spaventano con truffe inesistenti o ci promettono un lavoro fisso. La componente immediata e virale di WhatsApp, che si comporta quasi come un social network, è il terreno fertile perfetto per far crescere e crescere una catena. Sono commenti anonimi, sembrano legittimi e troppo attraenti per non crederci al valore nominale e condividerli con tutti i nostri utenti

Indizi per identificare una stringa

Ti offriremo una serie di indizi che potrebbero portarti a pensare che quel messaggio attraente o sensazionale che ti è stato inviato sia una catena. Se sei in grado di identificarli, sarai in grado di combatterli efficacemente.

Se sono così grandi da sembrare falsi, è che lo sono

Un lavoro gratis da Mercadona , mille scarpe Nike in regalo del valore di 100 euro, un buono sconto da Zara per il tuo bel faccino… Se, quando leggi un messaggio WhatsApp, pensi che sia troppo bello per essere vero, probabilmente è perché è una grande ed enorme bufala.

Tendono ad avere errori di ortografia

Apparentemente, i criminali informatici di solito non frequentavano molto le lezioni di lingua al liceo, perché le catene sono spesso piene di errori grammaticali e ortografici . Se dove doveva andare un ‘da vedere’ c’è un ‘da avere’, non dubitate: quella che vi hanno mandato è una catena grande ed enorme.

Guarda l’URL a cui ti invia la stringa

Guarda sempre l’indirizzo a cui ti manda la catena: di solito sono sostituti delle pagine ufficiali (ad esempio, invece di tuexpert.com potremmo leggere tuexpert-freeflights.com . Se sospetti un indirizzo Internet, saltalo.

Leggere  ▶ Grindr non mi fa entrare, come risolverlo

Cosa non dovresti mai fare con una catena di WhatsApp?

Abbiamo già individuato la catena. Ora, cosa non dovremmo mai fare con una catena di WhatsApp? Vi lasciamo con 5 linee guida o consigli che dovete seguire per non trasformare una catena in qualcosa di inarrestabile e virale.

Credici sempre

Mi considero una persona ingenua. Credo nella bontà degli estranei e che non debbano ingannarmi. Di solito sono una persona credulona. Se sei come me, su WhatsApp devi avere i piedi di piombo . Il primo impulso quando leggiamo una stringa è condividerla. Altrimenti, non sarebbero catene. E le intenzioni, sempre, sempre, sono buone. Le reti possono avvisarci di una truffa telefonica, prometterci un lavoro sicuro, regalarci occhiali da sole molto costosi o scarpe da ginnastica di lusso. E vogliamo che anche i nostri amici approfittino di questa meravigliosa offerta. E ci sentiamo così brave persone che finiamo per credere a tutto.

Quindi il più grande consiglio che possiamo darti da qui è: leggi la stringa due volte. Leggilo tre volte, se necessario. Tieni a bada i tuoi impulsi. E non credere a quasi tutto ciò che ti dicono su WhatsApp, soprattutto se è troppo bello per essere vero.

Condividili immediatamente

Questo punto è direttamente correlato al precedente. Se una catena è vera e possiamo godere di vantaggi, premi, consigli, evitare frodi… Perché non la condivido? Inoltre: il mio dovere è condividerlo poiché contiene informazioni rilevanti e preziose. Niente è più lontano dalla realtà. Condividere una catena significa essere complici del creatore della catena. Le catene di solito hanno indirizzi Internet che le persone inseriscono e, tramite un modulo, viene chiesto di inserire i propri dati personali . Le catene meno dannose raggiungono di più è ottenere la tua email. Sì, avrai il vassoio SPAM della tua email pieno, ma poco altro ti succederà.

Leggere  ▶ Come scaricare adesivi Telegram per WhatsApp

La cosa brutta è quando quell’indirizzo Internet contiene un modulo di registrazione per un servizio a tariffa maggiorata. Se qualsiasi modulo su qualsiasi pagina Internet che hai raggiunto tramite un annuncio WhatsApp richiede il tuo numero di telefono, non inserirlo in nessun caso . Inutile dire che la stessa identica cosa accadrebbe con le coordinate bancarie.

Condividere la catena è permetterle di continuare a vivere. Non condividerli in nessun caso , nemmeno per avvertire che sono catene. Notifica con il tuo testo, ad esempio “Non credere all’offerta Nike gratis se ti raggiunge tramite WhatsApp, è una truffa”.

Non bloccare il contatto

Non ti stiamo dicendo di bloccare un buon amico alla prima occasione per inviarti una catena WhatsApp. Tutti possiamo sfuggire di mano e inviare inavvertitamente una catena, pensando che sia un messaggio del tutto legittimo. Ma se hai tra i tuoi contatti il ​​collega tipo che l’unica cosa che fa è mandare barzellette di dubbio gusto, video di natura pornografica e decine di catene ogni settimana (ne abbiamo tutti, certo), sicuramente l’unica soluzione è bloccare lui .

Prima di prendere questa decisione drastica, parlagli e spiegagli i pericoli dell’invio di catene in modo sistematico. Se persiste ancora e continua a inviare stringhe, blocca. Per bloccare qualsiasi contatto in WhatsApp, devi solo scegliere quel contatto e premere il menu a tre punti che puoi vedere nella parte superiore dello schermo. Quindi tocca “Altro” e poi “Blocca”. Puoi anche usarlo se il contatto in questione ti sta infastidendo inviando SPAM o per qualsiasi altro motivo.

Non raccogliere le informazioni

Non costa nulla cercare in Internet informazioni su ciò che dice la catena. È molto semplice. Se la rete ti dice che Nike sta regalando scarpe da ginnastica, vai sul sito ufficiale di Nike. Se è RyanAir, che regala voli in tutta Europa per il suo anniversario, vai alla pagina RyanAir. Se è Mercadona, che sta cercando dipendenti e ti darà un lavoro sicuro con un clic su un link, digita “Offerte di lavoro Mercadona” sul tuo computer. Le aziende affidabili ed esperte non utilizzeranno mai WhatsApp come mezzo principale per le loro promozioni (questo potrebbe cambiare grazie all’arrivo di dove, grazie al doppio controllo, verificheremo che le aziende che ci parlano siano reali e veritiere).

Leggere  ▶ Come guadagnare su TikTok caricando video

Mancata segnalazione di possibili frodi

OK. Siamo caduti nelle grinfie di una catena e siamo stati ingannati. Non sai che puoi andare alla stazione di polizia più vicina e sporgere denuncia? Fai degli screenshot della catena, della forma che ti hanno fatto scrivere. Mettiti in contatto con WhatsApp e segnala la catena… Fai qualsiasi cosa ma fai qualcosa. Le catene non dovrebbero rimanere impunite poiché mettono in pericolo la sicurezza di milioni di utenti in tutto il mondo.