Skip to content
⇨ Tech-Facile – Il sito dove imparerai tutto ciò che riguarda l'informatica

▶ Questa funzione di Waze dice addio per sempre

La pandemia causata dal Covid-19 ha cambiato radicalmente le nostre vite all’inizio del 2020. Fortunatamente, alcuni di questi cambiamenti sono stati temporanei e siamo tornati alle nostre solite abitudini quando la situazione è leggermente migliorata. Ma ci sono cose che sono cambiate per sempre e non saranno mai più le stesse. Per esempio ora pensiamo un po’ di più prima di passare qualche ora in un luogo chiuso con degli sconosciuti. E questa abituale riluttanza è stata portata avanti da una delle funzioni dell’applicazione di guida Waze , che consisteva nella possibilità di fare car pooling con altri utenti.

In alcuni paesi, Waze ha offerto un servizio simile a quello che possiamo trovare in Spagna su BlaBlacar . Gli utenti che lo desideravano potevano trovare partner con cui condividere un’auto, il che significava un notevole risparmio economico e anche un miglioramento per l’ambiente.

Tuttavia, la società ha espresso in una dichiarazione ripresa da The Verge che questa funzione di carpooling era fondamentalmente una funzione pre-pandemia. Ma ora tutto è cambiato. Non è solo il fatto che molte persone hanno paura di passare troppo tempo in macchina con estranei. C’è anche il fatto che da quando è iniziata la pandemia , il numero di persone che telelavorano è aumentato , e quindi non hanno più bisogno di un compagno di auto per recarsi al lavoro. Questi cambiamenti hanno fatto decidere all’azienda di concentrarsi su altre funzioni dell’applicazione e lasciare da parte il carpooling.

Cos’è il carpooling in Waze

Se ti chiedi cos’è il carpooling in Waze , la risposta è che sostanzialmente è condividere un’auto con altre persone per andare nello stesso posto. Quello che abbiamo fatto per tutta la vita con amici, familiari o colleghi ma con l’aiuto dell’app per trovare partner.

Leggere  ▷ Come fare uno screenshot di LG Fino

Se non hai mai sentito parlare di Waze con questa opzione, probabilmente è perché non è mai stata disponibile in Spagna. Era un servizio limitato a Stati Uniti, Brasile e Israele . Tutto faceva pensare che negli anni si sarebbe diffuso e raggiunto nuovi mercati, ma è arrivata la pandemia a cambiare tutto e alla fine non lo vedremo mai da queste parti.

L’operazione di carpooling di Waze era praticamente identica a quella che possiamo trovare in Blablacar. I viaggiatori che hanno posti liberi nella propria auto possono inserire un annuncio per contare il viaggio che fanno giornalmente e il numero di posti che hanno a disposizione. E quelle persone che sono interessate a fare il viaggio contattano le persone che guidano.

Seppure mascherata da preoccupazione per la salute dei propri utenti, sembra che la decisione di chiudere il servizio di carpooling sia principalmente motivata da motivi economici .

Ed è che ora che tutte le restrizioni per contenere il coronavirus sono praticamente scomparse, non sembra avere molto senso eliminare uno strumento di car sharing. Ma se tra la paura di alcuni utenti e l’ascesa del telelavoro l’utilizzo di esso è notevolmente diminuito , è probabile che Google abbia deciso che non vale la pena tenerlo a disposizione.

I creatori di questo strumento hanno sempre insistito sul fatto che non è mai stata loro intenzione trarne profitto. Ma la realtà è che mantenere le nuove funzionalità in un’applicazione comporta attività di manutenzione e supporto . E se il numero di utenti è in costante calo, è facile per loro concludere che non valga la pena fare quello sforzo per un servizio che non è più così popolare.

Leggere  ▶ 50 divertenti video TikTok per bambini