Skip to content
⇨ Tech-Facile – Il sito dove imparerai tutto ciò che riguarda l'informatica

▶ Come aggiungere testo alternativo alle foto di Twitter

Da qualche tempo, quando si visualizzano le immagini nel nostro Twitter TL, le lettere “ALT” appaiono in basso. Molti utenti hanno trascurato questo dettaglio, ma è uno strumento che ci permette di inserire una descrizione nelle nostre foto, fornendo informazioni extra ai nostri follower –e con un limite di caratteri molto più alto rispetto a un normale tweet-. In questo articolo vedrai passo dopo passo come aggiungere testo alternativo alle foto di Twitter .

Il processo è abbastanza semplice ed è solo un passo in più quando si tratta di pubblicare le nostre immagini su questo social network. All’apertura dell’applicazione, facciamo clic sul pulsante ‘+’ con il quale possiamo scegliere quale tipo di tweet vogliamo pubblicare, e selezioniamo ‘Foto’ per scegliere quella che ci piace di più dal nostro album (o quella che ci desidera fare in quel momento).

Una volta selezionata la foto che ci interessa , in fondo ad essa vedremo il pulsante ‘+ALT’, cliccaci sopra e possiamo includere un testo di massimo 1.000 caratteri per aggiungere una descrizione di ciò che stiamo fotografando. Una volta che il suddetto testo descrittivo è stato scritto, tutto ciò che devi fare è cliccare su ‘Fatto’ e l’immagine sarà pronta per essere pubblicata con il suo testo alternativo incorporato.

Qual è il testo alternativo delle foto di Twitter

I dubbi su quale sia il testo alternativo delle foto di Twitter vengono rapidamente fugati non appena si utilizza questo strumento recentemente introdotto sul social network. Il testo alternativo consente di descrivere cosa c’è in una foto per fornire maggiori informazioni al follower che si ferma a vederla.

Leggere  10 meme divertenti per festeggiare un felice anno nuovo 2019 e condividerli su WhatsApp

Sebbene Twitter abbonda di meme che non hanno alcun tipo di descrizione, questo strumento è molto utile e cerca di rendere l’uccello blu uno dei social network più inclusivi per tutti gli utenti.

A cosa servono le descrizioni delle foto su Twitter?

Nonostante sia una funzione che è riuscita a passare inosservata alla stragrande maggioranza, il motivo che spiega a cosa servono le descrizioni delle foto su Twitter non è banale. L’obiettivo principale delle descrizioni su questa piattaforma è aiutare le persone non vedenti o ipovedenti che utilizzano la tecnologia assistiva. In questo modo potranno apprezzare più in dettaglio cosa contiene l’immagine cliccando sul badge ‘ALT’ di ogni immagine.

Inoltre, i testi alternativi sono molto utili anche per i fotografi professionisti , che possono includere informazioni come il tipo di fotocamera utilizzata per scattare la foto. I testi alternativi possono anche trovare uso giornalistico, fungendo da didascalie nei giornali stampati, con l’ulteriore vantaggio della loro lunghezza sorprendentemente lunga di 1.000 caratteri .

Quando aggiungi un testo alternativo (cosa che puoi fare anche quando carichi più di una foto in un tweet), ci sono diversi aspetti da tenere in considerazione. L’idea è quella di aggiungere le informazioni importanti , poiché in molti casi le immagini e le GIF che vengono pubblicate non hanno una descrizione o hanno solo il nome del file. Con una buona descrizione, i tuoi follower potranno capire perché hai scelto quell’immagine e non un’altra.

Twitter incoraggia anche la brevità nelle descrizioni , anche se il limite di testo è esagerato . Questo perché alcuni screen reader utilizzati da persone non vedenti o ipovedenti potevano leggere solo testi di lunghezza compresa tra 200 e 250 caratteri. Fortunatamente, la maggior parte degli screen reader attuali non ha tale limite, ma nel caso è sempre meglio scommettere sulla concisione.

Leggere  Ecco come sono i primi adesivi di WhatsApp

Infine, per meglio adattarsi a questi screen reader, si consiglia di non abusare delle abbreviazioni e di scrivere la parola intera (doctor Martínez invece di Dr. Martínez). Nel caso di acronimi, devono essere scritti in maiuscolo , poiché se lo si fa in minuscolo il lettore può leggerlo come se fosse una parola, con la conseguente perdita di contesto.